Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Ok

Perchè il gatto fa la pipì fuori dalla sua vaschetta

Pubblicato : 13/02/2018 00:07:24
Categorie : Comportamento

Che il gatto (Felis silvestris) sia a tutti gli effetti un animale domestico ad oggi non sono in molti ad affermarlo, vuoi per la sensazione di autonomia che trasmette, vuoi perchè è un animale schivo e riservato, al punto che dietro la sua figura si cela un alone di mistero e superstizione. L'uomo ha sempre cercato di avvicinare e addomesticare il gatto, gli antichi Egizi lo veneravano e lo consideravano sacro e quasi nel medesimo periodo storico (ci sono testimonianze relative circa 5.300 anni fa) in Cina si avviava una prima fase di domesticazione.

Il gatto, a differenza del cane, è meno diretto nei rapporti con gli esseri umani e per sua indole è un animale indipendente (anche se non cerca mai di stare da solo, infatti in libertà forma colonie, a volte anche numerose e in cattività sembra affezionarsi alla casa in cui vive) al punto che pare faccia quello che vuole e, di conseguenza, il suo comportamento viene frainteso.

A tal proposito se dobbiamo spiegare le caratteristiche (sovente negative) di una persona, spesso la paragoniamo ad un gatto. Quante volte ci è capitato di sentire o di dire noi stessi: “Sei opportunista come un gatto; Qualsiasi cosa faccia, cade sempre in piedi come un gatto; Sei uno che cambia atteggiamento dall'oggi al domani, proprio come il gatto che lecca oggi e domani graffia; Non rispetti mai le regole, proprio come fanno i gatti; Porti sfortuna come un gatto nero”.

I comportamenti e gli atteggiamenti di un gatto sono difficili da comprendere per noi umani e spesso li equivochiamo, un esempio su tutti è proprio quando non usa la lettiera per fare i suoi bisogni. Molti di noi sarebbero indotti a pensare che ci stia facendo un dispetto o ci stia punendo per qualcosa che abbiamo fatto. Nulla di più sbagliato, perchè il gatto non serba rancore come gli umani e per lui i suoi escrementi non sono sgradevoli. Le motivazioni sono diverse e le cause sono da cercare altrove.

Vediamo quindi insieme quali possono essere:

  • La pulizia della lettiera: la vaschetta e la lettiera del gatto devono essere pulite il più possibile, ogni due o tre giorni dovete rimuovere gli escrementi e i grumi di urina e integrarla con nuova lettiera pulita.

  • La posizione della vaschetta: per motivi d'arredamento avete spostato la sua vaschetta e l'avete messa in un posto poco invitante per lui. La posizione ideale è in un posto intimo e tranquillo, ma non troppo lontano dai luoghi più frequentati della casa, soprattutto riparato da spifferi d'aria fredda e che dia al gatto la sensazione di poter controllare tutta l'area circostante, quindi non nell'angolo di una stanza.

  • Troppo profumo, respinge il gatto: Visto che non volete pulire la sua vaschetta ogni 2 giorni, ma una volta alla settimana, avete deciso di usare dei prodotti che profumino la lettiera. Il felino domestico è molto sensibile ai forti odori quindi potrebbe decidere di non usare più la sua vaschetta per i bisogni. Anche quando pulite la vaschetta, evitate di usare prodotti profumati, preferendo quelli igienizzanti a profumo neutro.

  • Una brutta esperienza: un rumore improvviso, un urlo fatto ai propri figli, dargli una medicina o toccarlo mentre sta facendo i suoi bisogni possono essere delle brutte esperienze che portano il gatto non usare più la sua vaschetta. Una soluzione potrebbe essere quella di spostarla in un'altra zona tranquilla della casa.

Come vedete, le cause possono essere innumerevoli e sta a voi prestare maggior attenzione al micio di casa e domandarvi se sia cambiato qualcosa negli ultimi tempi che possa aver indotto il vostro animale a cambiare le proprie abitudini.

Se dopo aver apportato le modifiche del caso, il comportamento dovesse continuare nel tempo, come sempre il consiglio che vi diamo, è di non sottovalutarlo e di consultare velocemente il veterinario, perchè potrebbero esserci dei problemi di salute.

Suggerimenti finali:

  • La dimensione ideale della lettiera deve essere almeno il doppio di quella del gatto.

  • Lo strato di sabbia deve essere almeno 4 centimetri di altezza.

  • Se avete più di un gatto vi consigliamo di prendere una lettiera per ciascun animale, il gatto infatti può fare i bisogni fuori dalla vaschetta per marcare il proprio territorio.

Buona vita a tutti.

Condividi questo contenuto