Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Ok

L'arrivo di un cucciolo in famiglia

Pubblicato : 10/01/2018 12:59:55
Categorie : Comportamento

L'arrivo di un cucciolo in famiglia spesso rappresenta un momento importante, ricco di aspettative e tanta gioia, i bambini hanno sempre desiderato di poterne avere uno e magari è anche un tuo desiderio. Attenzione però, gli animali da compagnia non sono un giocattolo per bambini, non sono un soprammobile e non sono un oggetto da far vedere agli altri. Un cane, un gatto un qualsiasi Pet è un essere vivente, con emozioni, sentimenti e tanta voglia di vivere, giocare e scoprire il mondo intorno a se.

Quindi, nella scelta del nuovo componente della famiglia, ponderate bene tutte le cose.
Se decidete di prenderlo cucciolo, sappiate che come tutti i cuccioli, anche quelli umani, hanno bisogno di molte cure e attenzioni.

Far crescere un cucciolo in casa, significa che bisogna mettere in conto molte cose, la prima è che, non appena avrà la possibilità di muoversi e camminare, cercherà di esplorare tutto l'ambiente che ha intorno, la seconda è che vorrà capire cosa sono le cose che ha intorno, quindi prima userà l'olfatto e poi con la bocca ne proverà la consistenza e il gusto. Da cuccioli, soprattutto i cani, non sono in grado di moderare la forza del loro morso, quindi preparatevi a trovarvi ciabatte, scarpe, sciarpe, cappelli, coperte, divani, fili della corrente, tutti fatti a pezzi. La dentatura decidua del cane è composta da piccoli denti affilati e appuntiti, capaci di infliggere dolorose e profonde ferite, se e di certo lo farete, deciderete di fare la lotta con loro, siate pronti a sfoggiare dei bei graffi evidenti su braccia e mani. Se avete bambini piccoli, non lasciateli mai da soli con il cucciolo, entrambi non sono in grado di moderare il loro comportamento, quindi potreste ritrovarvi con un bambino piangente, perchè morso dal cucciolo che cercava di giocare alla lotta con lui o un cucciolo “piangente” perchè vostro figlio, gli ha infilato un dito in un occhio o gli ha tirato un orecchio troppo violentemente.

Il cucciolo come tutti gli esseri viventi ha dei bisogni fisiologici, deve mangiare e bere e nei primi mesi di vita dovrà mangiare più volte al giorno, quindi se per lavoro non siete in casa dal mattino alla sera, forse è meglio che lasciate perdere l'idea del cucciolo e pensiate di portare a casa un animale un po più grandicello.

Dopo aver mangiato e bevuto, il cucciolo avrà bisogno di fare la cacca e la pipì e nei primi tempi farà i suoi bisogni dove gli capita, non alzate la voce, non picchiatelo, non infilategli il muso nell'urina, ma trovate il modo di insegnargli che in casa c'è un posto dedicato, dove potrà andare a fare i suoi bisogni (logicamente dovrà essere sempre accessibile all'animale) e se si tratta di un cane, col tempo imparerà che li potrà fare quando uscirete a fare la passeggiata quotidiana e ricordatevi che le passeggiate al giorno dovranno essere dalle tre alle quattro e possibilmente sempre alla stessa ora.

I nostri animali da compagnia sono molto abitudinari, quindi per il loro benessere psicofisico dategli da mangiare sempre alla stessa ora e portateli a fare il giretto sempre nello stesso momento della giornata, in questo modo avranno la possibilità di incontrare e socializzare più o meno sempre con le stesse persone e per i cani, con i loro stessi amici.

Una delle prime cose da fare indipendentemente da dove abbiate preso il cucciolo, in canile, trovato per strada, comprato da un venditore di animali, o in un allevamento, regalatovi dal vostro vicino di casa, dovete verificare il suo stato di salute, controllate quindi che sia pulito, non abbia parassiti, non sia troppo mogio, poi dovrete trovare un veterinario di fiducia.

Il medico a seconda delle situazioni, provvederà ad eseguire i controlli di routine e se necessario praticherà le prime vaccinazioni, contro le tipiche malattie infettive, verrà sverminato e gli verrà applicato il microchip. Da quel momento in ambito legale sarete il suo proprietario (è più bello dire il suo tutore) e rispondere anche penalmente di tutto quello che il vostro animale causerà ad altri, siano essi, persone, animali o cose.

Il consiglio che vi diamo è quello di farvi una piccola assicurazione che vi tuteli contro ogni eventuale rischio “prevenire è meglio che curare”.

Se il cucciolo era già intestato ad altra persona, dovrete effettuare il passaggio di proprietà.

Non è finita qui, prima di portare il cucciolo a casa dovrete preparare il giusto ambiente, capace di accoglierlo, proteggerlo e soprattutto proteggere le cose a cui tenete, dai sui denti o dai suoi artigli (nel caso di un gatto). Quindi due belle ciotole, meglio se di alluminio, per il cibo e l'acqua, una cuccia comoda e accogliente, cancelletti e barriere per limitare gli spazi dove può o non può andare e soprattutto qualche giochino.

I giochi lo aiuteranno a passare il tempo quando resterà solo in casa, a socializzare con i componenti della famiglia, a sviluppare le sue capacità psicofisiche.

I cuccioli dovranno essere gradualmente abituati a stare per qualche ora da soli. La solitudine, soprattutto per un cane che d'indole è un essere che vuole vivere in gruppo, è drammatica, quindi il distacco dovrà essere graduale e dovrete fargli capire che tornerete sempre a casa e quando questo accadrà, dovrete fargli tante feste, quasi quante ve ne farà lui.

Inizialmente, lasciateli soli per pochi minuti, massimo 10, aumenterete il tempo gradualmente, quando lasciate il cane da solo lasciategli il suo gioco preferito o se volete, potete prendere dei giochi porta crocchette, li aiuteranno a passare il tempo e a sviluppare l'intelligenza.

Qualsiasi gioco deciderete di comprare o realizzare per conto vostro in casa (basta anche una bottiglietta di plastica infilata in una calza), ricordatevi di prenderlo in una dimensione appropriata alle dimensioni del vostro animale. Un gioco troppo piccolo potrebbe essere ingoiato, uno troppo grosso sarebbe inutile. Il vostro animale crescerà rapidamente, quindi non prendetegli troppi giochi subito, perchè non li userà.

Prima di andare a prendere il vostro cucciolo dovrete acquistare altri accessori fondamentali, un guinzaglio e una pettorina per il cane (non lasciateli mai a portata dei suoi denti), una lettiera e un trasportino per il gatto.

Per quanto riguarda il cibo, chiedete alla persona che vi ha dato il cucciolo, cane o gatto che sia, il tipo di alimentazione a cui è abituato, altrimenti i primi giorni potrebbero avere dei disturbi gastroenterici che però si risolvono in breve tempo.

Per i cuccioli di cane vi consigliamo una dieta costituita da mangime secco, se volete per le prime 2/3 settimane potreste integrarlo con del mangime umido (ma non è necessario) nella proporzione di ¼ di cibo umido e ¾ di secco.

In ogni caso il mangime deve essere di ottima qualità e con un apporto calorico elevato, vi proponiamo il cibo secco della linea Supreme Puppy prodotto dalla Nuova Fattoria adatto a cuccioli di cane dalle sei settimane di età ai dodici mesi. Le quantità e le razioni giornaliere varieranno via via che il cane crescerà, verso l'anno d'età comincerete a mischiare il cibo secco per cuccioli con quello per cani adulti, come il Supreme Adult.

Come ultima cosa ma non per importanza è la messa in atto di regole atte a rendere la convivenza uomo – cane/gatto la migliore possibile e per fare questo non dimenticate mai che il cane è un cane, che il gatto è un gatto e l'essere umano è un essere umano, ognuno ha il suo modo di comportarsi, comunicare e di socializzare, trovate quindi il modo più adatto a voi e al vostro Pet, per comunicare e capirvi nel modo migliore.

Usate sempre le stesse parole e gli stessi movimenti per spiegare determinate azioni, come ad esempio, “vieni qui” - “andiamo” - “fermo” - “resta” - “lascia” e via dicendo. Non gridate mai, ma usate un tono calmo e deciso, accompagnate l'ordine, con un gesto della mano e vedrete che voi e il vostro compagno sarete una cosa sola.

Quindi come vi dicevo all'inizio dell'articolo, il cane/gatto non sono un giocattolo, non sono un soprammobile, non sono un oggetto da mettere in mostra e in conclusione aggiungo, non sono un essere umano, quindi non fate l'errore di cercare di “umanizzarlo”.

Il vostro cucciolo che adesso è una palla di pelo, diventerà un bel cane o gatto, ma in ogni caso l'unica cosa che vi chiederanno sarà tanto rispetto, cura e amore. In cambio avrete tanto rispetto, cura e amore e resteranno con voi sempre.

p.s. Sempre significa anche quando andrete in vacanza.

Buona vita a tutti

Condividi questo contenuto